Progetti nel mondo / Per lo sviluppo integrale della persona

I caschi blu stanno a guardare

minuscaLa missione di peacekeeping dell'Onu nuovamente sotto accusa in Repubblica Centrafricana. Human Rights Watch denuncia decine di esecuzioni sommarie di civili, avvenute sotto gli occhi della MINUSCA.

L’operato della missione delle Nazioni Unite per la Stabilizzazione della Repubblica Centrafricana, è stato messo in discussione nell’ultimo report di Human Rights Watch dedicato alla situazione nel paese africano.
Gli analisti della ong newyorchese evidenziano che «sebbene sia autorizzata a usare la forza per proteggere i civili, la MINUSCA non riesce a prevenire e tantomeno a respingere gli attacchi nel campo profughi di Bria, per porre fine ai ripetuti eccidi di civili».
HRW denuncia le esecuzioni di decine di civili avvenute negli ultimi cinque mesi nel distretto di Haute-Kotto, cui appartiene la giurisdizione del campo profughi di Bria, e nelle aree circostanti. Autori delle efferate violenze sono i ribelli del Fronte Popolare per il Rinascimento del Centrafrica (FPRC), gruppo affiliato all’ex coalizione séleka, composta in prevalenza da musulmani.
I ricercatori, impegnati sull'ingarbugliato dossier centrafricano, non si limitano a segnalare le uccisioni compiute dall’FPRC, ma denunciano anche gli abusi perpetrati nello stesso periodo dalle milizie anti-balaka, letteralmente ‘anti-machete’, che hanno compiuto crimini simili se non peggiori degli antagonisti islamici.
Quello descritto dall’organizzazione statunitense è solo l’ennesimo capitolo di un conflitto che dura dal dicembre 2012, quando gli ex ribelli séleka imbracciarono le armi contro le truppe dell’allora presidente François Bozizé e occuparono il nord del paese.
Nemmeno la presenza dei caschi blu dell’ONU è riuscita a migliorare la situazione, mentre le divisioni etniche, le rivalità, le dispute sul controllo delle risorse e le divergenze strategiche hanno provocato l’implosione della seleka, che alla fine del 2014 si è divisa in diverse fazioni, ciascuna delle quali ha assunto il controllo di una determinata porzione di territorio.
Nel paese è divampata la violenza e dopo anni di continue violazioni di improbabili accordi di pace, nel giugno 2017 il governo di Bangui e 13 dei 14 gruppi armati hanno sottoscritto un’intesa che ha stabilito un cessate il fuoco immediato, una rappresentanza politica per le fazioni firmatarie, il rispetto dell’integrità del territorio nazionale, la creazione di una commissione di verità e riconciliazione, oltre alla possibilità di concedere provvedimenti di clemenza.
Tuttavia, malgrado il fragilissimo accordo stilato sotto gli auspici della Comunità di Sant’Egidio e il ripristino delle istituzioni democratiche, 14 delle 16 provincie del paese, corrispondenti all’80% dell’intero Centrafrica, sono ancora sotto il controllo di vari gruppi armati.
Gli sfollati interni sono quasi 700 mila, i rifugiati nei paesi vicini sono oltre 550 mila e circa 2,4 milioni di centrafricani, vale a dire la metà della popolazione, dipendono per vivere dagli aiuti internazionali. Mentre l’ultimo indice globale della fame (Ghi 2018), presentato giovedì scorso dal Cesvi, denuncia che la Repubblica Centrafricana è il terzo paese dell’Africa subsahariana con il più alto tasso di mortalità infantile sotto i 5 anni (12,4%) e l’unico paese del mondo dove si registra un livello di denutrizione estremamente allarmante (53,7%).
Inoltre, il conflitto, che in origine contrapponeva milizie islamiche e cristiane divise anche dall’appartenenza etnica, adesso è alimentato dagli interessi economici, in ragione dei quali viene strumentalizzata la religione. E anche alla luce dei nuovi eccidi documentati da HRW, non sembra che i gruppi in lotta siano interessati alla pacificazione del paese, come si sperava nel giugno dell’anno scorso.
da Nigrizia

Tags: Conflitti, Diritti umani, Rep. Centrafricana

Ultime notizie

Il colonialismo dell'acqua

Il colonialismo dell'acqua

27-11-2018

L’insieme di permessi che reg...

Algeria, oscure manovre al vertice del potere

Algeria, oscure manovre al vertice del p…

25-10-2018

Si inasprisce lo scontro interno al...

In Africa piccoli passi avanti

In Africa piccoli passi avanti

17-10-2018

L’indice che misura l’i...

I caschi blu stanno a guardare

I caschi blu stanno a guardare

15-10-2018

La missione di peacekeeping dell'On...

Sostegno allo sviluppo, Tokyo rilancia

Sostegno allo sviluppo, Tokyo rilancia

09-10-2018

Il Giappone, in vista della settima...

Legno africano per il "made in Cina"

Legno africano per il "made in Cina…

05-10-2018

La causa principale della deforesta...

Lele Ramin sempre a fianco dei popolo indigeni

Lele Ramin sempre a fianco dei popolo in…

20-09-2018

Nei momenti più difficili de...

Vogliamo dirti che siamo con te

Vogliamo dirti che siamo con te

07-09-2018

Lettera aperta al papa della congre...

Africa occidentale: tour diplomatico di Angela Merkel

Africa occidentale: tour diplomatico di …

30-08-2018

Per ragioni diverse da quella della...

Invertiamo la rotta, troppi bambini rifugiati senza istruzione

Invertiamo la rotta, troppi bambini rifu…

29-08-2018

Quattro milioni di bambini rifugiat...

Senegal: 85 intenzionati a candidarsi alle presidenziali del 2019

Senegal: 85 intenzionati a candidarsi al…

28-08-2018

Le elezioni presidenziali si terran...

Il pentafascioleghismo cresce dal basso, con danni

Il pentafascioleghismo cresce dal basso…

24-08-2018

Dicono che non dovremmo più ...

logo

MONDO APERTO ONLUS
Missionari comboniani
RAPPRESENTANTE LEGALE: P. CODIANNI LUIGI FERNANDO
Vicolo Pozzo, 1
37129 Verona

Tel: +39 045 8092200
Fax: +39 045 8004648

Email: onlusmccj@comboniani.org