News / Fatti e testimonianze dal mondo

Togo, ritorno alla Costituzione del 1992?

togoLa società togolese sembra essersi risvegliata dopo mezzo secolo di torpore, indotto dal potente regime dinastico della famiglia Gnassingbé. La richiesta è una sola: approvare una riforma costituzionale che impedisca all’attuale presidente di restare al potere.

Un nuovo attore è parso nell’arena politica togolese, il Partito nazionale panafricano (Pnp) (sconosciuto fino a inizio anno) il cui leader è Tikpi Atchadam, uomo del nord.
Sabato 19 agosto i suoi sostenitori hanno manifestato in tutte le città del paese per reclamare il ritorno alla Costituzione - approvata per referendum nel 1992, ma poi modificata da papà Gnassingbé Eyadema - e in favore del voto della diaspora. Quel giorno a Sokodé, città a più di 300 km a nord di Lomé, la capitale, ci sono scappati anche due morti. Altre manifestazioni pacifiche, spesso vietate e represse dalla polizia, si sono tenute ovunque per esigere che il presidente se ne vada. È la prima volta che si vedono in Togo manifestazioni antigovernative importanti non solo nel sud del paese, come sempre, ma anche nel nord, fin qui feudo del potere.
Mercoledì 6 settembre, a centinaia di migliaia i togolesi dell’opposizione sono scesi in strada in una manifestazione, mai così imponente, a Lomé e altre città del paese al grido: «Dopo 50 anni di potere, è arrivato il tempo di sloggiare». La famiglia Gnassingbé, infatti, è al potere dal 1967! La manifestazione faceva eco a quelle dei togolesi a Bruxelles e Parigi, sempre per esigere la partenza, ora, del presidente Faure Gnassingbé, succeduto al papà Eyadema.
Il 15 settembre, finalmente, l’Assemblea nazionale, il parlamento del Togo, sotto la pressione della piazza e di un’opposizione più che mai ringalluzzita, ha incominciato lo studio di un progetto di legge del governo (arrivato in aula il 19 settembre) sulle riforme costituzionali: due soli mandati presidenziali (Faure è al terzo) e scrutinio a due turni.
L’opposizione però denuncia una volontà solo apparente, da parte del governo, di tornare alla Costituzione del 1992. Nella proposta di legge, infatti, manca la fondamentale frase, contenuta nell’articolo 59 della Costituzione del 1992, “in nessun caso nessuno può servire più di due termini”. Il che, lo capiscono tutti, renderebbe possibile a Faure di ripresentarsi tranquillamente nel 2020. Ecco perché l’opposizione pretende nella maniera più assoluta che questa frase sia introdotta nel testo. Ma è proprio quello che il potere rifiuta di fare. Il dialogo tra sordi continua.
da Nigrizia

Tags: Togo, Politica

Ultime notizie

Noi missionari di frontiera

Noi missionari di frontiera

10-10-2017

Lo specifico dei comboniani è...

Il futuro è dei droni? Sì, però...

Il futuro è dei droni? Sì, però...

05-10-2017

Cos’hanno in comune droni e t...

Somalia, violenze al top

Somalia, violenze al top

04-10-2017

Il paese del Corno d’Africa d...

Togo, ritorno alla Costituzione del 1992?

Togo, ritorno alla Costituzione del 1992…

28-09-2017

La società togolese sembra e...

La Corte suprema invalida le presidenziali

La Corte suprema invalida le presidenzia…

01-09-2017

I giudici hanno accolto il ricorso ...

I milioni qatariani per arabizzare il Darfur

I milioni qatariani per arabizzare il Da…

25-08-2017

Da Doha altri 70 milioni di dollari...

Nyerere santo

Nyerere santo

22-08-2017

Il 27 di agosto papa Francesco rice...

Il Camerun punta sull’acqua

Il Camerun punta sull’acqua

04-08-2017

Un nuovo sistema di sbarramenti sul...

Il dinosauro non molla

Il dinosauro non molla

03-08-2017

Il 93enne Robert Gabriel Mugabe, do...

Boko Haram, per nulla sconfitto

Boko Haram, per nulla sconfitto

26-07-2017

La minaccia terrorista nel nordest ...

Evoluzione non Ogm

Evoluzione non Ogm

21-07-2017

La conoscenza dei contadini è...

Kenya, elezioni sotto le bombe a Lamu

Kenya, elezioni sotto le bombe a Lamu

20-07-2017

Nelle scorse settimane la zona di L...

logo

MONDO APERTO ONLUS
Missionari comboniani
RAPPRESENTANTE LEGALE: P. CODIANNI LUIGI FERNANDO
Vicolo Pozzo, 1
37129 Verona

Tel: +39 045 8092200
Fax: +39 045 8004648

Email: onlusmccj@comboniani.org