Questo sito fa uso dei cookies soltanto per facilitare la navigazione.

Chi siamo / La nostra storia

San Daniele Comboni

Alcune date fondamentali

1831

15 marzo – Nasce a Limone sul Garda (BS).

1843
20 febbraio – Entra nell’Istituto fondato dal can. Nicola Mazza per “raccogliere ed educare giovanetti poveri, forniti d’ottimo ingegno, bontà di costumi e sodo criterio…”.

1849
6 gennaio – Giuramento ai piedi del Mazza di consacrarsi alla missione dell’Africa Centrale per tutta la vita.

1854
31 dicembre – Ordinazione sacerdotale.

1858

10 settembre – Salpa da Trieste con la spedizione mazziana verso l’Africa Centrale.
14 febbraio – Dopo un lungo viaggio sul Nilo, la spedizione giunge alla missione di S. Croce, a 6º 40′ di latitudine nord.

1859
15 gennaio – Con i compagni mazziani abbandona la missione di S. Croce e rientra in Italia.

1861
12 gennaio - Giunge ad Aden con l’incarico del can. Mazza di riscattare alcuni ragazzi africani da educare a Verona.
18 marzo - Arriva a Verona con gli africani riscattati. E’ nominato vice rettore dell’Istituto.

1864
15 settembre- A Roma, mentre prega sulla tomba di S. Pietro, si sente ispirato a scrivere il “Piano per la Rigenerazione dell’Africa”.

1867

1 giugno - Fonda a Verona l’Istituto missionario per la Nigrizia, nel quadro dell’Opera del Buon Pastore, eretta da Mons. Luigi di Canossa.

1872
1 gennaio - Fonda a Montorio di Verona l’Istituto delle “Pie Madri della Nigrizia”.
Dà inizio alla rivista “Annali del Buon Pastore”.
14 settembre - Le Pie Madri della Nigrizia trasferite in Via S. Maria in Organo, Verona.

1881
28 gennaio - Giunge a Khartum. Inizia la visita pastorale alle missioni.
5 ottobre -  E’ colpito da violente febbri.
10 ottobre -  Ricevuti con devozione i sacramenti, Comboni entra in agonia. Alle ore 22 muore all’età di 50 anni.

Per un maggiore approfondimento: www.comboni.org/daniele-comboni/biografie

Sahel, vittime del coronavirus e vittime della povertà

Sahel, vittime del coronavirus e vittime…

14-05-2020

Dalla capitale del Niger padre Maur...

L’esilio forzato dei migranti in Africa

L’esilio forzato dei migranti in Africa

12-05-2020

Dalla Somalia al Niger, dalla Libia...

Emancipazione della donna in Sudan, un percorso ancora lungo

Emancipazione della donna in Sudan, un p…

06-05-2020

L’approvazione di un emendame...

Cina e il contagio razzista verso gli africani

Cina e il contagio razzista verso gli af…

22-04-2020

La violenza scatenata contro gli af...

Coronavirus in Zimbabwe: «Ora i nodi vengono al pettine»

Coronavirus in Zimbabwe: «Ora i nodi ven…

21-04-2020

Nel paese la prolungata crisi econo...

Haiti tiene duro

Haiti tiene duro

15-04-2020

Dopo anni di drammi naturali, lotte...

La Somalia tra Corona Virus e al-Shabaab

La Somalia tra Corona Virus e al-Shabaab

07-04-2020

Il paese del Corno teme un eventual...

Piazze senza fiato. Ora un nuovo Giubileo planetario

Piazze senza fiato. Ora un nuovo Giubile…

06-04-2020

Metterci il corpo era diventata la ...

L'umanità ha sete di Giubileo

L'umanità ha sete di Giubileo

05-04-2020

Analizzando l'emergenza coronavirus...

Le armi della diplomazia

Le armi della diplomazia

09-03-2020

Rabat ha fatto pressioni, anche eco...

Guinea, insieme legislative e referendum costituzionale

Guinea, insieme legislative e referendum…

18-02-2020

Il 1° marzo 2020 si terranno in...

La pesca illegale destabilizza la Somalia

La pesca illegale destabilizza la Somali…

17-02-2020

Decine di migliaia di tonnellate di...

 

MONDO APERTO ONLUS

Codice Fiscale: 93138170233

Vicolo Pozzo, 1
37129 Verona

Tel: +39 045 8092200
Fax: +39 045 8004648

Email: info@mondoaperto.it

RAPPRESENTANTE LEGALE:
P. CODIANNI LUIGI FERNANDO