• L’ Associazione
    Missionari Comboniani
    Mondo Aperto Onlus


    Ha come finalità: la solidarietà umana,
    la promozione religiosa, sociale e culturale


    Aiutaci...

  • Opera sul territorio nazionale e nei paesi del sud del mondo
    per aiutare soggetti svantaggiati


    Secondo lo spirito di San Daniele Comboni


    Contiamo sulla tua solidarietà...

  • E’ apolitica e apartitica


    Senza scopo di lucro
    e persegue in modo esclusivo finalità di solidarietà sociale


    Conosci i nostri progetti

  • Le attività
    dell' Associazione
    Mondo Aperto Onlus


    e le sue finalità sono ispirate a principi di:
    pari opportunità tra uomini e donne nel rispetto dei diritti inviolabili della persona


    Aiutaci...

  • L’ Associazione
    Missionari Comboniani
    Mondo Aperto Onlus


    ha al suo attivo la realizzazione di numerosi progetti:
    scuole, strutture sanitarie, centri di formazione sociale e culturale


    Aiutaci...

  • L’ Associazione
    Missionari Comboniani
    Mondo Aperto Onlus


    ha come obbiettivo: dare dignità alle persone,
    costruendo relazioni di giustizia e solidarietà


    Aiutaci...

lerner salviniDicono che non dovremmo più nominarlo, colui che in pochi mesi è diventato l’uomo politico più famoso d’Italia, perché manifestando la nostra indignazione cadiamo nel tranello delle sue ben calcolate provocazioni.

Lascio ai maldestri esperti della politica-spettacolo e del marketing elettorale – quasi sempre gli stessi che gli hanno fornito il trampolino da cui ha spiccato il volo – l’onere di districarsi nel groviglio delle loro stesse argomentazioni.
Mi interessa poco anche la fenomenologia della costruzione di un capo di simil fatta, trasformista che negli anni ha cambiato numerose maschere, abile calcolatore ma digiuno di esperienze amministrative o di governo, coerente solo nell’esasperare i toni del conflitto: l’unico linguaggio tonitruante che conosce. Non è certo la prima volta nella storia che un fanatico mediocre, ma provvisto di intuito, assurge al ruolo di uomo forte. Se ciò accade, se la violenza verbale diventa pensiero egemone, vuol dire che agisce nella società una potente spinta dal basso, tale da far riemergere pulsioni sotterranee: non solo il bisogno di ordine, sicurezza, gerarchia, ma anche un sentimento di vendetta che anima chi si sente vittima di una retrocessione, economica o anche solo di status.
Il personaggio in questione gioca apertamente con i richiami a una ideologia profondamente radicata nella storia del secolo scorso, ma ancora più antica: il fascismo. Lui desidera essere accusato di fascismo, irridendo al tempo stesso chi evoca la maledizione di quel passato. Ma intanto quella ideologia vibra in comportamenti sempre più diffusi, che dal dileggio nei confronti del volontariato sociale e della cultura solidaristica tracimano sempre più spesso in comportamenti di violenza diffusa, accanimento contro bersagli simbolici (gli intellettuali d’opposizione) e spedizioni punitive contro singoli migranti.
Il nuovo fascismo italiano, trovategli pure un nome diverso, più adatto ai tempi, cresce dal basso. Si maschera da patriottismo, si autorappresenta come riscatto popolare, rievoca l’immagine lanciata nel 1911 dal poeta Giovanni Pascoli ai tempi dell’impresa di Libia: «La grande proletaria si è mossa». Allora – nel decennio precedente la nascita del fascismo – si inneggiava alla conquista delle colonie africane, grazie a cui sarebbe stata finalmente debellata la piaga dell’emigrazione italiana. Oggi, all’inverso, “la grande proletaria” avrebbe trovato finalmente la forza di espellere dal suo seno i corpi estranei accusati di impoverirla, combattendo al tempo stesso le potenze straniere da cui si era lasciata sottomettere.
Questo è lo spirito dei tempi bui che stiamo vivendo, e che rischiano di provocare una degenerazione illiberale, autoritaria, delle nostre istituzioni. Presentano come riscossa popolare il rinchiudersi in sé stessa della provincia italiana. Vanno orgogliosi della loro brutale ignoranza. Non so quanto durerà questa euforia che obnubila il paese, ma già oggi possiamo dire che il pentafascioleghismo causerà all’Italia danni permanenti più gravi di quelli che ci ha lasciato in eredità il berlusconismo. 
da Nigrizia

Tags: Società, Politica

Informazioni 5x1000

  • 5x1000 fronte
  • informazioni 5X1000 b

Ultime notizie

In Africa piccoli passi avanti

In Africa piccoli passi avanti

17-10-2018

L’indice che misura l’i...

I caschi blu stanno a guardare

I caschi blu stanno a guardare

15-10-2018

La missione di peacekeeping dell'On...

Sostegno allo sviluppo, Tokyo rilancia

Sostegno allo sviluppo, Tokyo rilancia

09-10-2018

Il Giappone, in vista della settima...

Legno africano per il "made in Cina"

Legno africano per il "made in Cina…

05-10-2018

La causa principale della deforesta...

Lele Ramin sempre a fianco dei popolo indigeni

Lele Ramin sempre a fianco dei popolo in…

20-09-2018

Nei momenti più difficili de...

Vogliamo dirti che siamo con te

Vogliamo dirti che siamo con te

07-09-2018

Lettera aperta al papa della congre...

Africa occidentale: tour diplomatico di Angela Merkel

Africa occidentale: tour diplomatico di …

30-08-2018

Per ragioni diverse da quella della...

Invertiamo la rotta, troppi bambini rifugiati senza istruzione

Invertiamo la rotta, troppi bambini rifu…

29-08-2018

Quattro milioni di bambini rifugiat...

Senegal: 85 intenzionati a candidarsi alle presidenziali del 2019

Senegal: 85 intenzionati a candidarsi al…

28-08-2018

Le elezioni presidenziali si terran...

Il pentafascioleghismo cresce dal basso, con danni

Il pentafascioleghismo cresce dal basso…

24-08-2018

Dicono che non dovremmo più ...

Materie prime: i paesi africani alzano la testa

Materie prime: i paesi africani alzano l…

24-08-2018

«Non vogliamo i vostri aiuti ...

Europa e migranti, una geopolitica fallimentare

Europa e migranti, una geopolitica falli…

23-08-2018

Il caso della nave Aquarius, lo sco...

logo

MONDO APERTO ONLUS
Missionari comboniani
RAPPRESENTANTE LEGALE: P. CODIANNI LUIGI FERNANDO
Vicolo Pozzo, 1
37129 Verona

Tel: +39 045 8092200
Fax: +39 045 8004648

Email: onlusmccj@comboniani.org