• L’ Associazione
    Missionari Comboniani
    Mondo Aperto Onlus


    Ha come finalità: la solidarietà umana,
    la promozione religiosa, sociale e culturale


    Aiutaci...

  • Opera sul territorio nazionale e nei paesi del sud del mondo
    per aiutare soggetti svantaggiati


    Secondo lo spirito di San Daniele Comboni


    Contiamo sulla tua solidarietà...

  • E’ apolitica e apartitica


    Senza scopo di lucro
    e persegue in modo esclusivo finalità di solidarietà sociale


    Conosci i nostri progetti

  • Le attività
    dell' Associazione
    Mondo Aperto Onlus


    e le sue finalità sono ispirate a principi di:
    pari opportunità tra uomini e donne nel rispetto dei diritti inviolabili della persona


    Aiutaci...

  • L’ Associazione
    Missionari Comboniani
    Mondo Aperto Onlus


    ha al suo attivo la realizzazione di numerosi progetti:
    scuole, strutture sanitarie, centri di formazione sociale e culturale


    Aiutaci...

  • L’ Associazione
    Missionari Comboniani
    Mondo Aperto Onlus


    ha come obbiettivo: dare dignità alle persone,
    costruendo relazioni di giustizia e solidarietà


    Aiutaci...

diciottiIl caso della nave Aquarius, lo scorso giugno (e quello più recente della nave #Diciotti, ndr), mostra ancora una volta la gravità del problema di esseri umani che fuggono dalla povertà e dalla morte.

Il flusso migratorio verso l’Europa è un problema complesso e generalmente si presta a strumentalizzazioni politiche e ideologiche. L’immigrazione è diventata il cavallo di battaglia delle destre europee xenofobe per ottenere consensi elettorali e giungere al potere. I vari Orban, Kurz, Salvini... parlano alla pancia della gente, fomentando sentimenti di paura e insicurezza.
Salvini, durante la campagna elettorale per le politiche, aveva promesso, insieme a Berlusconi, di rimpatriare mezzo milione di immigrati irregolari. E appena giunto al potere ha iniziato la sua crociata contro l’immigrazione in nome della sicurezza e della difesa dell’identità culturale e religiosa italiana (in passato difendeva solo quella padana, anche contro i meridionali che definiva «terroni»).
Da ministro dell’interno, tenta di attuare ciò che aveva promesso agli elettori. Il primo atto è stato quello di impedire alla nave Aquarius, che aveva a bordo oltre 600 profughi soccorsi nel mar Mediterraneo, di attraccare a un porto italiano. L’eco mediatica di questa vicenda ha accresciuto la sua “popolarità” ben oltre i confini italiani. Oltre al sostegno dei leader delle destre europee, Salvini è riuscito anche a provocare incidenti diplomatici con Malta, Francia e Tunisia.
Le accuse rivolte a Malta sono insensate, in quanto questo paese ha, fino ad oggi, rispettato le quote di accoglienza indicate dall'Ue. Ed è il secondo paese che ha accolto, in percentuale rispetto alla popolazione totale, il maggior numero di domande d’asilo, dopo la Svezia. Ma per Salvini i dati reali non contano perché sa che i suoi simpatizzanti sono poco o male informati, e quindi facilmente manipolabili.
Quanto alla Francia, la presa di posizione dell’Eliseo è stata a dir poco irriverente nei confronti dell’Italia. E ciò ha provocato un diffuso sentimento di “patriottismo”, molto caro alla destra. E Salvini ha fatto centro!
La Francia non ha nulla da insegnare agli altri circa l’accoglienza e i diritti umani. In seno alla Nato, è stata protagonista nel 2011 della demolizione della Libia, oggi la principale rotta di migrazione verso l’Europa (anche l’Italia ha avuto un suo ruolo, se pure in seconda linea). Lo stato francese, quello Italiano e diversi altri stati membri della Nato sono i principali responsabili dei drammi che avvengono nel deserto libico e nel Mediterraneo.
La crisi migratoria in Europa è la conseguenza diretta di una geopolitica neocoloniale di alcuni suoi stati. Per cominciare a risolvere il problema, bisognerebbe prima mettere mano alla questione libica attraverso una conferenza internazionale in Africa, e non a Parigi!
Conferenza da affidare a organismi “neutri” il cui compito dovrebbe essere quello di stabilire una strategia di ricostruzione e di riconciliazione di una Libia sovrana. Paese dove prima della guerra vivevano stabilmente due milioni di lavoratori immigrati africani. Ma le potenze occidentali non accetteranno mai un’iniziativa del genere. Troppi interessi in gioco per chi vuole sempre la botte piena e la moglie ubriaca.
da Nigrizia

Tags: migrazioni

Informazioni 5x1000

  • 5x1000 fronte
  • informazioni 5X1000 b

Ultime notizie

In Africa piccoli passi avanti

In Africa piccoli passi avanti

17-10-2018

L’indice che misura l’i...

I caschi blu stanno a guardare

I caschi blu stanno a guardare

15-10-2018

La missione di peacekeeping dell'On...

Sostegno allo sviluppo, Tokyo rilancia

Sostegno allo sviluppo, Tokyo rilancia

09-10-2018

Il Giappone, in vista della settima...

Legno africano per il "made in Cina"

Legno africano per il "made in Cina…

05-10-2018

La causa principale della deforesta...

Lele Ramin sempre a fianco dei popolo indigeni

Lele Ramin sempre a fianco dei popolo in…

20-09-2018

Nei momenti più difficili de...

Vogliamo dirti che siamo con te

Vogliamo dirti che siamo con te

07-09-2018

Lettera aperta al papa della congre...

Africa occidentale: tour diplomatico di Angela Merkel

Africa occidentale: tour diplomatico di …

30-08-2018

Per ragioni diverse da quella della...

Invertiamo la rotta, troppi bambini rifugiati senza istruzione

Invertiamo la rotta, troppi bambini rifu…

29-08-2018

Quattro milioni di bambini rifugiat...

Senegal: 85 intenzionati a candidarsi alle presidenziali del 2019

Senegal: 85 intenzionati a candidarsi al…

28-08-2018

Le elezioni presidenziali si terran...

Il pentafascioleghismo cresce dal basso, con danni

Il pentafascioleghismo cresce dal basso…

24-08-2018

Dicono che non dovremmo più ...

Materie prime: i paesi africani alzano la testa

Materie prime: i paesi africani alzano l…

24-08-2018

«Non vogliamo i vostri aiuti ...

Europa e migranti, una geopolitica fallimentare

Europa e migranti, una geopolitica falli…

23-08-2018

Il caso della nave Aquarius, lo sco...

logo

MONDO APERTO ONLUS
Missionari comboniani
RAPPRESENTANTE LEGALE: P. CODIANNI LUIGI FERNANDO
Vicolo Pozzo, 1
37129 Verona

Tel: +39 045 8092200
Fax: +39 045 8004648

Email: onlusmccj@comboniani.org