• L’ Associazione
    Missionari Comboniani
    Mondo Aperto Onlus


    Ha come finalità: la solidarietà umana,
    la promozione religiosa, sociale e culturale


    Aiutaci...

  • Opera sul territorio nazionale e nei paesi del sud del mondo
    per aiutare soggetti svantaggiati


    Secondo lo spirito di San Daniele Comboni


    Contiamo sulla tua solidarietà...

  • E’ apolitica e apartitica


    Senza scopo di lucro
    e persegue in modo esclusivo finalità di solidarietà sociale


    Conosci i nostri progetti

  • Le attività
    dell' Associazione
    Mondo Aperto Onlus


    e le sue finalità sono ispirate a principi di:
    pari opportunità tra uomini e donne nel rispetto dei diritti inviolabili della persona


    Aiutaci...

  • L’ Associazione
    Missionari Comboniani
    Mondo Aperto Onlus


    ha al suo attivo la realizzazione di numerosi progetti:
    scuole, strutture sanitarie, centri di formazione sociale e culturale


    Aiutaci...

  • L’ Associazione
    Missionari Comboniani
    Mondo Aperto Onlus


    ha come obbiettivo: dare dignità alle persone,
    costruendo relazioni di giustizia e solidarietà


    Aiutaci...

weahL’uomo cresciuto in una baraccopoli di Monrovia alla fine ce l’ha fatta. La sua lunga galoppata politica, partita nel 2005, è finita ora con la vittoria al secondo turno contro Joseph Boakai, candidato del partito dell’Unità, attualmente al potere in Liberia. La sua si annuncia come una sfida di governa in salita.

Da stasera è ufficiale: George Tawlon Manneh Oppong Ousman Weah è il 25° presidente della Repubblica di Liberia. La leggenda del Milan ha conquistato la presidenza con il proprio partito, il Congresso per il cambiamento democratico (CdC). La Commissione elettorale nazionale liberiana (Nec) ha annunciato in serata i risultati provvisori del secondo turno delle elezioni presidenziali: con il 98,1 delle schede conteggiate, la star del calcio ha ottenuto il 61,5% dei voti, battendo così lo sfidante Joseph Boakai, finora vice presidente. Il primo turno delle presidenziali si era tenuto lo scorso 10 ottobre.
Il CdC è lo stesso partito con il quale si era già candidato nelle elezioni presidenziali del 2005, le prime celebrate in Liberia dopo la guerra civile, che dal 1999 al 2003 insanguinò il paese, contrapponendo le forze fedeli al criminale di guerra ed ex presidente Charles Taylor e i ribelli del Lurd (Liberiani uniti per la riconciliazione e la democrazia).
Weah, oggi 51enne, nel 2005 perse al ballottaggio contro l’economista Ellen Johnson Sirleaf, la prima donna eletta alla guida di un paese africano, rimasta in carica per due mandati e insignita del Premio Nobel per la Pace nel 2011.
Dodici anni dopo, King George, come lo soprannominarono i tifosi del Milan, è riuscito ad aggiudicarsi il ballottaggio sconfiggendo il vicepresidente uscente, il 73enne Joseph Boakai, candidato del partito dell’Unità, attualmente al potere in Liberia.

I primi calci

Il nuovo presidente della Liberia è nato a Clara Town, una delle tante baraccopoli della capitale Monrovia, dove fu cresciuto dalla nonna paterna Emma e cominciò a tirare i primi calci al pallone per poi esordire negli Young Survivors, la squadra di Clara Town. Ma la sua carriera calcistica cominciò realmente nel 1985 nel Mighty Barolle, dove giocherà per una stagione per poi vestire la maglia degli Invincible Eleven, la squadra più titolata della Liberia, dove rimarrà fino al 1987.
Tuttavia, il livello del calcio liberiano lascia alquanto a desiderare e George decide di andare a giocare in Camerun nel Tonnerre Yaoundee, con cui disputerà il campionato 1987-1988. Poi, l’allora CT del Monaco Arsene Wenger lo vuole nella sua squadra e il Re Leone lascia l’Africa alla volta dell’Europa per scrivere a caratteri indelebili il suo nome sulla mappa del calcio mondiale.
Weah vestirà la maglia di alcune tra le più prestigiose squadre europee come il Paris Saint-Germain, il Milan, il Chelsea, il Manchester City e l’Olympique Marsiglia. E sarà l’unico giocatore africano ad aggiudicarsi il Pallone d’oro.

La passione politica

Dopo il suo ritiro dal calcio giocato, avvenuto nel 2002, si mostrò subito attivo all’interno delle istituzioni liberiane, diventando in breve tempo una figura di riferimento nel panorama politico del paese.
Dopo la sconfitta elettorale del 2005, trascorse un periodo negli Stati Uniti durante il quale conseguì una laurea in Business Administration alla DeVry University di Miami. Nel 2009, fece ritorno in patria per sostenere il candidato del Cdc al Senato in un’elezione suppletiva nella contea di Montserrado. Due anni dopo annunciò di volersi ricandidare alle presidenziali, ma alla fine venne designato come vicepresidente di Winston Tubman e fu nuovamente sconfitto.
Nel 2014, è stato eletto al Senato nel seggio della contea di Montserrado battendo di larga misura Robert Sirleaf, il figlio della presidente Ellen Johnson-Sirleaf. Poi, nel 2016 ha annunciato di volersi candidare di nuovo alla presidenza e lo scorso ottobre ha vinto con il 38,4% dei voti il primo turno delle elezioni, funestato però dalle accuse di “frodi e irregolarità” lanciate nei confronti della Commissione elettorale dal candidato del Partito della Libertà, Charles Brumskine.
Il secondo turno avrebbe dovuto tenersi lo scorso 7 novembre, ma è stato posticipato dal ricorso presentato da Brumskine, che lo scorso 7 dicembre è stato annullato dalla Corte Suprema, che ha riconosciuto valido l’esito del primo turno e ha avviato le procedure per il ballottaggio che ha sancito la vittoria di George Weah.
«Sono profondamente grato alla mia famiglia, ai miei amici e ai miei leali sostenitori che hanno contribuito alla nostra campagna durante questa lunghissima stagione elettorale», ha scritto Weah su Twitter, poco prima che i risultati ufficiali fossero annunciati.
E il nuovo presidente avrà ancora bisogno di tutto il loro sostegno nell’affrontare la partita più difficile della sua vita: quella di rilanciare l’economia un paese poverissimo, le cui risorse sono controllate dalle multinazionali straniere e il tasso di disoccupazione è superiore al 50%.
da Nigrizia

Tags: Politica, Liberia

Informazioni 5x1000

  • 5x1000 fronte
  • informazioni 5X1000 b

Ultime notizie

L' Africa ancora epicentro di crisi

L' Africa ancora epicentro di crisi

21-06-2018

I conflitti in Repubblica democrati...

Un pellegrinaggio alla casa degli schiavi

Un pellegrinaggio alla casa degli schiav…

19-06-2018

Quando mi sono imbarcato al porto d...

Giovani madri, la scuola negata

Giovani madri, la scuola negata

18-06-2018

Il diritto allo studio dovrebbe ess...

Occorre una santa collera per reagire al razzismo

Occorre una santa collera per reagire al…

18-06-2018

Un’onda nera e razzista sta t...

La febbre africana dell'oro (virtuale)

La febbre africana dell'oro (virtuale)

15-06-2018

Non è rapido come prelevare ...

Tentativi di disgelo

Tentativi di disgelo

13-06-2018

L’annuncio del premier etiopi...

Un calcio ai timori

Un calcio ai timori

07-06-2018

I bookmakers danno scarse possibili...

Pechino si allarga in Africa

Pechino si allarga in Africa

04-06-2018

Una nuova struttura va a rafforzare...

Le mani di Mosca su Bangui

Le mani di Mosca su Bangui

30-05-2018

Armi, soft power e affari nella Rep...

Avanza la tecnologia 'Made in Africa'

Avanza la tecnologia 'Made in Africa'

23-05-2018

Il settore tecnologico africano &eg...

Il naufragio nel mare delle sfumature

Il naufragio nel mare delle sfumature

22-05-2018

Che cos’hanno in comune l&rsq...

Il turismo d'elite uccide i Maasai del Serengeti

Il turismo d'elite uccide i Maasai del S…

18-05-2018

Si aggravano in modo preoccupante l...

logo

MONDO APERTO ONLUS
Missionari comboniani
RAPPRESENTANTE LEGALE: P. CODIANNI LUIGI FERNANDO
Vicolo Pozzo, 1
37129 Verona

Tel: +39 045 8092200
Fax: +39 045 8004648

Email: onlusmccj@comboniani.org