Questo sito fa uso dei cookies soltanto per facilitare la navigazione.

Impianto Idrico

PROGETTO N° 216/2015

RESPONSABILE DEL PROGETTO: MONS. MENGHESTEAB TESFAMARIAM
RESPONSABILE PER L’ESECUZIONE: MONS. MENGHESTEAB TESFAMARIAM
LUOGO DI REALIZZAZIONE: ASMARA - ERITREA

INFORMAZIONI GEO/DEMOGRAFICHE            

216 00Adishbti è un villaggio che si trova a 60 km dalla capitale dell’Eritrea Asmara. Per arrivarci si possono imboccare due strade: quella del villaggio Mendefera, in condizioni migliori; quella più corta da Sheka- Wedi Bsrat impraticabile però durante la stagione della pioggia.
E’ un villaggio composto da 96 famiglie, il cui principale sostentamento è dato dalla coltivazione di: sorgo, mais, orzo, grano e legumi. Queste piantagioni vengono piantate in base alla disponibilità e alla durata della pioggia.
Altra fonte di sostentamento è data dall’allevamento di bestiame, che a loro modo contribuiscono a concimare i terreni.
Il villaggio non dispone di una scuola, quindi i bambini e ragazzi devono spostarsi di 5 km per raggiungere il villaggio di Adigual, dove ci sono elementari e medie o a Mendefera  dove ci sono le superiori.

OBIETTIVO DEL PROGETTO

Lo scopo principale del progetto è quello di fornire acqua potabile pulita e sicura al villaggio di Adishbti; ridurre le malattie scaturite dall’acqua impura; alleviare il carico di lavoro delle donne e delle ragazze per andare a prendere l’acqua.

REALIZZAZIONE DEL PROGETTO

Il progetto verrà realizzato attraverso la costruzione di un pozzo, che pompi l’acqua in un serbatoio costruito in un terreno elevato all’interno del villaggio, il quale rilasci cadere l’acqua in un centro di raccolta da dove gli abitanti possano attingere.
La popolazione locale contribuirà con la rottura e il raccoglimento delle pietre, utili per la muratura, e con lo scavo per la posa delle tubazioni.

COSTO DEL PROGETTO

€ 20.000,00

Tags: africa, Eritrea, impianto idrico

Tolte 7 scuole alle organizzazioni religiose

Tolte 7 scuole alle organizzazioni relig…

05-09-2019

Una decisione che arriva dopo che i...

Rapimento Romano. Il silenzio delle autorità italiane

Rapimento Romano. Il silenzio delle auto…

04-09-2019

La cooperante italiana, rapita in K...

Un anno di ebola

Un anno di ebola

05-08-2019

Nonostante la mobilitazione interna...

i farmaci killer

i farmaci killer

05-08-2019

Secondo la Scuola di igiene e medic...

Sudan, spari contro gli studenti: 5 morti

Sudan, spari contro gli studenti: 5 mort…

31-07-2019

A colpire con armi da fuoco una man...

Sudan, janjaweed al potere

Sudan, janjaweed al potere

25-07-2019

Le Forze di supporto rapido sono og...

Juba nuovo centro del commercio di migranti

Juba nuovo centro del commercio di migra…

19-07-2019

La capitale sudsudanese sta diventa...

Africa depredata, anche nel calcio

Africa depredata, anche nel calcio

18-07-2019

Il torneo calcistico più imp...

L'altra partita dei tifosi della libertà

L'altra partita dei tifosi della libertà

16-07-2019

Il movimento popolare algerino che ...

In piazza, gridiamo vita!

In piazza, gridiamo vita!

15-07-2019

E’ come missionario che lanci...

Verso una visione multiversale della vita

Verso una visione multiversale della vit…

10-07-2019

In cinque giorni di incontri i comb...

Riace riparte. Un buon vento la sostiene

Riace riparte. Un buon vento la sostiene

18-06-2019

Ha preso il volo proprio da Riace, ...

 

MONDO APERTO ONLUS

Codice Fiscale: 93138170233

Vicolo Pozzo, 1
37129 Verona

Tel: +39 045 8092200
Fax: +39 045 8004648

Email: info@mondoaperto.it

RAPPRESENTANTE LEGALE:
P. CODIANNI LUIGI FERNANDO