Questo sito fa uso dei cookies soltanto per facilitare la navigazione.

Completamento Centro Culturale di Adoola

PROGETTO N° 221/2015

RESPONSABILE DEL PROGETTO: P. CAVALLINI GIUSEPPE
RESPONSABILE PER L’ESECUZIONE: P. CAVALLINI GIUSEPPE
LUOGO DI REALIZZAZIONE: ADOOLA - ETHIOPIA

INFORMAZIONI GEO/DEMOGRAFICHE            

Adoola, il cui nome deriva da una pianta locale, è conosciuta anche con il nome di Kibre Menghist o Angedi. La città è situata al centro della zona Guji, nella regione dell’Oromiya, nel sud Etiopia.
Si trova a una distanza di 475 Km a sud-est della capitale Addis Abeba.
La città conta oltre 40.000 abitanti. La maggior parte dei residenti storici sono di etnia Guji, anche se in città si stanno stabilendo anche altre etnie.
Le lingue maggiormente parlate sono il Guji e l’Amarico.    
Nella città sorge una Biblioteca Pubblica, che viene frequentata dagli studenti di diverse scuole ed etnie, che offre degli strumenti per la loro crescita scolastica.
In Adoola ci sono 7 scuole di primo grado frequentate da 7.623 studenti e 3 scuole di secondo grado frequentate da 2.916 studenti. La maggior parte sono scuole governative, eccetto una privata che conta 2.500 studenti.
Gli insegnanti in totale sono 247.

OBIETTIVO DEL PROGETTO

Soddisfare le esigenze degli studenti, attraverso l’allestimento di un centro culturale multimediale, che li aiuti nella loro crescita educativa e scolastica.

REALIZZAZIONE DEL PROGETTO

Con la somma richiesta si intende acquistare dei dispositivi informatici che abbiano una doppia utilità: in biblioteca e nelle iniziative sociali. Si intende acquistare due computer, una stampante, una fotocopiatrice per gli uffici e un sistema audio - video (microfoni, altoparlanti e video proiettore) per il Centro socio-culturale.
La comunità locale contribuirà con 1.300,00 €.

COSTO DEL PROGETTO

€ 6.000,00

Tags: africa, Centro culturale, Etiopia

L'eredità di Gaid Salah

L'eredità di Gaid Salah

24-12-2019

Dalla deposizione di Bouteflika, &e...

Il cobalto sfratta 100mila persone

Il cobalto sfratta 100mila persone

23-12-2019

Si tratta degli abitanti della citt...

Sud Sudan, un futuro ancora incerto

Sud Sudan, un futuro ancora incerto

13-11-2019

Slittata di altri 100 giorni la dat...

Italia, Libia, la cooperazione continua

Italia, Libia, la cooperazione continua

11-11-2019

Pochi giorni prima del rinnovo del ...

Le multinazionali "violentano le nostre terre"

Le multinazionali "violentano le no…

25-10-2019

"Se non si comprende la nostra rela...

Dal tappeto verde a quello rosso

Dal tappeto verde a quello rosso

24-10-2019

Il passaggio dal campo di calcio al...

Chi teme il Sinodo e chi lo vive come una grazia

Chi teme il Sinodo e chi lo vive come un…

09-10-2019

Con alti stendardi colorati, giubbe...

Le schiave delle baby factory

Le schiave delle baby factory

09-10-2019

Una recente operazione di polizia &...

Tolte 7 scuole alle organizzazioni religiose

Tolte 7 scuole alle organizzazioni relig…

05-09-2019

Una decisione che arriva dopo che i...

Rapimento Romano. Il silenzio delle autorità italiane

Rapimento Romano. Il silenzio delle auto…

04-09-2019

La cooperante italiana, rapita in K...

Un anno di ebola

Un anno di ebola

05-08-2019

Nonostante la mobilitazione interna...

i farmaci killer

i farmaci killer

05-08-2019

Secondo la Scuola di igiene e medic...

 

MONDO APERTO ONLUS

Codice Fiscale: 93138170233

Vicolo Pozzo, 1
37129 Verona

Tel: +39 045 8092200
Fax: +39 045 8004648

Email: info@mondoaperto.it

RAPPRESENTANTE LEGALE:
P. CODIANNI LUIGI FERNANDO