Questo sito fa uso dei cookies soltanto per facilitare la navigazione.

Progetto Centro St. Martin

PROGETTO N° 217/2015

RESPONSABILE DEL PROGETTO: P. MOSCHETTI DANIELE
RESPONSABILE PER L’ESECUZIONE: ERICH FISCHNALLER/AYIH TEKO FAFA
LUOGO DI REALIZZAZIONE: LOMIN – SOUTH SUDAN

INFORMAZIONI GEO/DEMOGRAFICHE

217 00La Comunità di Lomin, è situata nel Kajo Keji County nel Centro    dello Stato di Equatoria, Diocesi di Yeì Sud Sudan. E’ situata a circa 40 Kilometri dal Distretto di Moyo in Uganda e a 75 Miglia da Juba l’ attuale capitale del Sud Sudan. Lomin è una zona montagnosa con una buona vegetazione, ci si vive bene.
La popolazione di Kajo Kejì è di circa 300.000 abitanti, alcuni sono in processo di rimpatrio dai paesi confinanti dove si sono rifugiati durante la guerra.
La gente di Kajo Keji vive principalmente di agricoltura che coltiva con mezzi ancora primitivi usando zappe. Questo impedisce loro di sviluppare l’ agricoltura per uso commercio  perché non riescono a coltivare tanto terreno solo con mezzi rustici. La vicinanza con l’ Uganda e la facilità di trasporto favoriscono lo scambio di merci, questo è pure un mezzo di sostentamento.
A confronto di altri paesi del SS. Kajo keji  ha una buona percentuale di persone educate, che però non vivono in questo paese ma vanno in cerca di lavoro molto più ben rimunerato.
Il servizio sanitario è molto povero, ha un solo ospedale di riferimento nel paese e con un solo Dottore.
Parlando di Religione la maggioranza del popolo è protestante, i cattolici sono circa il 15/%. Tanti ancora però credono e seguono le religioni tradizionali.
Qui sorge il Centro St. Martin, dove i giovani imparano a prendersi cura di alcuni animali (maiali, conigli e pesc) e a coltivare alcuni ortaggi. La carne degli animali e la verdura vengono poi vendute ai mercati locali.

OBIETTIVO DEL PROGETTO

L’obbiettivo principale del progetto è il sostentamento del Centro St. Martin e delle sue attività, poiché consentono ai giovani di mettere in pratica quanto a scuola hanno imparato teoricamente. Il loro coinvolgimento conduce a un impatto sul metodo di studio e sul modo di vivere. Coinvolge ragazzi provenienti da diverse scuole e da diversi gruppi etnici.

REALIZZAZIONE DEL PROGETTO

Con la somma richiesta, si vuole creare uno spazio adatto all’allevamento dei conigli e dei maiali. Costruire dei laghetti per l’allevamento del pesce e delle serre dove coltivare al meglio alcuni ortaggi. Inoltre una parte della somma servirà a pagare il salario e i costi di amministrazione.

COSTO DEL PROGETTO

€ 30.000,00

Progetto Centro St. Martin

Tags: africa, Sud Sudan, Lomin, Agricoltura, Allevamento

Lo sciopero dei docenti paralizza le università

Lo sciopero dei docenti paralizza le uni…

16-06-2020

Questa volta il Covid-19 non c'entr...

Crisi dimenticate nel mondo, nove su dieci sono in Africa

Crisi dimenticate nel mondo, nove su die…

15-06-2020

Ad assegnare anche quest’anno...

Sahel, vittime del coronavirus e vittime della povertà

Sahel, vittime del coronavirus e vittime…

14-05-2020

Dalla capitale del Niger padre Maur...

L’esilio forzato dei migranti in Africa

L’esilio forzato dei migranti in Africa

12-05-2020

Dalla Somalia al Niger, dalla Libia...

Emancipazione della donna in Sudan, un percorso ancora lungo

Emancipazione della donna in Sudan, un p…

06-05-2020

L’approvazione di un emendame...

Cina e il contagio razzista verso gli africani

Cina e il contagio razzista verso gli af…

22-04-2020

La violenza scatenata contro gli af...

Coronavirus in Zimbabwe: «Ora i nodi vengono al pettine»

Coronavirus in Zimbabwe: «Ora i nodi ven…

21-04-2020

Nel paese la prolungata crisi econo...

Haiti tiene duro

Haiti tiene duro

15-04-2020

Dopo anni di drammi naturali, lotte...

La Somalia tra Corona Virus e al-Shabaab

La Somalia tra Corona Virus e al-Shabaab

07-04-2020

Il paese del Corno teme un eventual...

Piazze senza fiato. Ora un nuovo Giubileo planetario

Piazze senza fiato. Ora un nuovo Giubile…

06-04-2020

Metterci il corpo era diventata la ...

L'umanità ha sete di Giubileo

L'umanità ha sete di Giubileo

05-04-2020

Analizzando l'emergenza coronavirus...

Le armi della diplomazia

Le armi della diplomazia

09-03-2020

Rabat ha fatto pressioni, anche eco...

 

MONDO APERTO ONLUS

Codice Fiscale: 93138170233

Vicolo Pozzo, 1
37129 Verona

Tel: +39 045 8092200
Fax: +39 045 8004648

Email: info@mondoaperto.it

RAPPRESENTANTE LEGALE:
P. CODIANNI LUIGI FERNANDO