Questo sito fa uso dei cookies soltanto per facilitare la navigazione.

  • Home

Centro sociale a Dongora

PROGETTO N° 300/2017

RESPONSABILE DEL PROGETTO: P. CAVALLINI GIUSEPPE            
RESPONSABILE PER L’ESECUZIONE: P. CAVALLINI GIUSEPPE
LUOGO DI REALIZZAZIONE: DONGORA - ETHIOPIA    

INFORMAZIONI GEO/DEMOGRAFICHE    

300 00Hawassa è una città dell’Ethiopia situata sulle rive del lago Auasa nella Great Rift Valley. La città è collocata nella zona di Sidama, ed è a 270 Km da Addis Abeba.
La pesca è la principale industria.
Nella città troviamo un’università ( la quale include un college specializzato sullo studio dell’agricoltura, un altro specializzato sullo studio della medicina e un Campus universitario).
Il Vicariato Apostolico di Hawassa (Sud Ethiopia) conta circa 25.000 cattolici. I Missionari Comboniani, giunsero in questa regione nel 1964 e per molti anni furono i protagonisti di svariate attività (formazione, educazione ecc…), aprendo nuove missioni tra la popolazione Sidama, Gunji e Ghede’ò.
Ai missionari comboniani, si sono aggiunti altri istituti maschili e femminili, durante gli anni, che gestiscono centri educativi e sanitari.
Nella diocesi di Dongora, sono presenti i comboniani da 45 anni, ed è qui situato il Centro Sociale di San Paolo, che per oltre 40 anni ha provveduto, attraverso i comboniani, alla formazione di migliaia di leaders e agenti sociali operanti in Hawassa.        

OBIETTIVO DEL PROGETTO

Il Centro sociale è rimasto inattivo per l’assenza di personale qualificato a garantirne l’operatività.
Il rientro di un comboniano al fine di coadiuvare l’impegno a riattivare il Centro e le sue attività di formazione, permette ora di rilanciare tali iniziative sociali, la cui urgenza è diventata più acuta in seguito agli anni di interruzione e al crescente e inarrestabile afflusso di sette protestanti e chiese indipendenti. 

REALIZZAZIONE DEL PROGETTO

La struttura è andata incontro a gravi problemi di deterioramento  sia in seguito alla caduta di alberi sulla struttura stessa sia perché nulla è stato fatto per provvedere al mantenimento degli edifici e alla riparazione di crepe in varie parti degli edifici come anche delle infrastrutture in genere (servizi, sistema fognario, acqua, linea elettrica).
Affinché la riapertura possa avvenire in tempi brevi, occorre intervenire quanto prima sulla riparazione dei gravi danni strutturali verificatisi negli anni.
Il progetto prevede: il rifacimento delle fondamenta, la riparazione dei tetti e controsoffitti, la sostituzione dei tanks di acqua, la sostituzione delle tubature dell’acqua e della linea elettrica, la sostituzione degli infissi e delle porte, il rifacimento delle stanze degli insegnanti, il rifacimento dei bagni e delle docce, la tinteggiatura delle pareti e delle verande.

COSTO DEL PROGETTO

IMPORTO

€ 15.000,00

Progetto 300/2017: Centro sociale a Dongora

Tags: Progetti,, africa, Etiopia

Un importante passo verso la pace

Un importante passo verso la pace

03-09-2020

La firma della pace tra il governo ...

Il papa: si cancellino i debiti dei paesi poveri

Il papa: si cancellino i debiti dei paes…

02-09-2020

Nel 2019, almeno 15 paesi africani...

La nostra lotta continua

La nostra lotta continua

01-09-2020

L'editoriale del numero di settembr...

Stiamo con i vescovi e con il popolo di Dio

Stiamo con i vescovi e con il popolo di …

05-08-2020

Una lettera di pieno sostegno all&r...

La fede si rinnova

La fede si rinnova

05-08-2020

È iniziata il 31 luglio e si...

Lo sciopero dei docenti paralizza le università

Lo sciopero dei docenti paralizza le uni…

16-06-2020

Questa volta il Covid-19 non c'entr...

Crisi dimenticate nel mondo, nove su dieci sono in Africa

Crisi dimenticate nel mondo, nove su die…

15-06-2020

Ad assegnare anche quest’anno...

Sahel, vittime del coronavirus e vittime della povertà

Sahel, vittime del coronavirus e vittime…

14-05-2020

Dalla capitale del Niger padre Maur...

L’esilio forzato dei migranti in Africa

L’esilio forzato dei migranti in Africa

12-05-2020

Dalla Somalia al Niger, dalla Libia...

Emancipazione della donna in Sudan, un percorso ancora lungo

Emancipazione della donna in Sudan, un p…

06-05-2020

L’approvazione di un emendame...

Cina e il contagio razzista verso gli africani

Cina e il contagio razzista verso gli af…

22-04-2020

La violenza scatenata contro gli af...

Coronavirus in Zimbabwe: «Ora i nodi vengono al pettine»

Coronavirus in Zimbabwe: «Ora i nodi ven…

21-04-2020

Nel paese la prolungata crisi econo...

 

MONDO APERTO ONLUS

Codice Fiscale: 93138170233

Vicolo Pozzo, 1
37129 Verona

Tel: +39 045 8092200
Fax: +39 045 8004648

Email: info@mondoaperto.it

RAPPRESENTANTE LEGALE:
P. CODIANNI LUIGI FERNANDO