Questo sito fa uso dei cookies soltanto per facilitare la navigazione.

Blog / Ci scrivono...

Dic24

Buon Natale da Fr. Rizzetto Paolo

Categories // Dai progetti

Dicembre 2019

 

MadreBambino

Carissimi, un saluto ed un sorriso da Mapuordit, Sud Sudan.

L’anno se ne va ed è già Natale! Quest’anno 2019 sembra essere passato in fretta, forse perché ci sono stati molti avvenienti.

 

E’ stato un anno di trepida attesa per la gente del Sud Sudan.
Arrivando a questo Avvento e facendo memoria del cammino fatto e dei volti incontrati, vorrei condividere un immagine che porto più nel cuore che in uno scatto digitale e che non posso allegarvi in questa lettera.
A volte partecipando all’Eucarestia, arrivando al momento dell’offertorio mi sono scoperto a guardare mentre alcuni fedeli, grandi e piccoli, si avvicinavano l cesto delle offerte, che per noi qui è tenuto in mano da una persona mentre i fedeli si avvicinano e lasciano la laro offerta.
Ho visto alcune persone tendere ed aprire la mano vuota e lasciando cadere, evidentemente, niente.
Prima di tutto do ragione a chi mi chiedesse: “ma perché non ti fai i fatti tuoi?”. Si: non è opportuno sbirciare questo gesto, comunque molto intimo della nostra gente. Eppure, mi fa pensare.
Vedo queste persone che si accostano per portare la lor offerta all’altare, riconoscendo la lroo povertà, forse materiale ma rivelando la più grande umanità di chi si affida, completamente, a Dio- padre e Madre della Vita.
Questo gesto mi dice qualcosa non solo sull’umiltà ma anche sul coraggio. Non so se in Europa saremmo in grado di una tale onestà. Penso che io , come molti altri, rimarrei tranquillamente seduto al mio posto: in fondo se non ho niente, non posso dare niente…
Poi mi sono ricordato della strofa di quella canzone:

“[…] Ti offriamo Signore, le nostre mani,
molte volte son vuote

… ma ricercano te[…]”.

E così questa immagine mi accompagna verso il Natale. Gesù Emmanuele, Dio-con noi, viene. Viene ancora. Viene a chiederci di farli spazio. Il vuoto della nostra vita, le occasioni perse, la tristezza per una parola detta di troppo, che non ci doveva essere… tuto questo fallimento di cui non sappiamo sbarazzarci può diventare il posto che facciamo a Gesù .
Strano ma lui vuole venire proprio la. Perché è la che abbiamo bisogno di Lui. Il Natale ci ricorda che Dio viene nella nostra Vita e viene come un bambino, bisognoso di tutto ma soprattutto di una culla, fatta di mani, per essere con noi. Questa è la greppia che possiamo –sempre- preparare.
Ed eccoci tutti qui, con le mani vuote, pensando di non poter dare… talvolta non accorgendoci di quanto invece siamo nella condizione migliore per… ricevere un dono da Dio!
In Sud Sudan, l’inizio del 2019 era ancora marcato dalla speranza nata dall’accordo di Pace del settembre precedente. Tutti si aspettavano la formazione di un Governo di Transizione di Unità Nazionale, in cui i due schieramenti, responsabili della quinquennale guerra civile, cominciassero a lavorare assieme per la ricostruzione del Paese: questo era l’obbiettivo dell’accordo di pace firmato a Settembre del 2018.
Purtroppo non è successo. È vero che il cessate-il-fuoco è stato rispettato ma non si sono visti reali sforzi per riportare il paese alla Riconciliazione nazionale e allo sviluppo. I nodi dell’accordo (la formazione di un esercito veramente nazionale, il numero e i confini degli stati federali che compongono la repubblica e la garanzia della sicurezza personale del Vice presidente e del suo entourage, una volta rientrato in capitale) sono tati raggiunti solo parzialmente. Dopo tante promesse, niente di concreto è stato dato alla nostra gente: sono a mani vuote!
A Novembre hanno deciso di darsi altri 100 giorni per fare quello che non erano riusciti a portare a termine. Nessuno sa se a febbraio, allo scadere dei 100 giorni, ci sarà il nuovo Governo di transizione oppure no. Molti sono scettici.
Eppure avevano ricevuto: c’era stato in quaresima, quel gesto bellissimo di Papa Francesco, che li aveva invitati a dialogare, che si era impegnato con loro e per loro, arrivando a baciare i piedi di entrambi i leader, per mostrare loro che cosa veramente è la leadership. Perché, all’odio, o si risponde con l’Amore… o si odia a nostra volta. Il gesto di papa Francesco aveva riempito tutti di stupore e sembrava che avesse commosso i cuori più duri.
C’è come una polarità tra l’umiltà della gente comune che si avvicina all’altare con l’offerta consapevole della propria povertà e l’arroganza di questi politici che a dispetto dell’impegno preso, si auto-assolvono dalla responsabilità mancata di guidare il paese verso la pace.
A Mapuordit stiamo chiudendo un altro anno di attività. Anche quest'anno, il numero di pazienti che hanno chiesto i nostri servizi, in cerca di cure mediche, ha superato il numero dell'anno scorso (e le cifre sono aggiornate a Novembre!). Ci sentiamo umili di fronte alla fiducia della nostra gente e possiamo assistere, insieme a situazioni di grande bisogno, anche ad una grande generosità da parte del personale dell'ospedale e dai numerosi volontari che sono venuti nella nostra struttura. Speriamo di aver ricevuto la nostra gente a braccia aperte.
Abbiamo sperimentato anche il dolore della perdita, a causa della morte improvvisa del nostro amato farmacista Matthew, all'inizio dell'anno.
Eppure accadono piccoli – ma grandi - miracoli: come per Rebecca che ha superato una terribile meningite; o per Maliat, che è sopravvissuto a una ferita da arma da fuoco, alla testa. E per Teresa, una ragazza epilettica che durante un attacco è caduta nel fuoco, riportando gravi ustioni su gran parte del suo corpo. È stata con noi per 8 mesi, con la sua famiglia sempre intorno a lei, dandoci testimonianza di cura amorevole e fedele. L'elenco potrebbe essere più lungo di questo. Perché la misura dell'amore di Dio è l'amore senza misura!
La nostra gente ci spera ancora. Pieni di confidenza si avvicinano all’ Emmanuele, con le mani forse vuote (svuotate in realtà dai potenti Erode di turno), pronti però a riceverLo.
Vi mando un caro saluto ed un abbraccio. Affido la Pace del Sud Sudan alla vostra preghiera, come mi affido anch’io. Buon Natale e Felice Anno 2020!

Frat. Paolo Rizzetto MCCJ

Leave a comment

You are commenting as guest.

Un importante passo verso la pace

Un importante passo verso la pace

03-09-2020

La firma della pace tra il governo ...

Il papa: si cancellino i debiti dei paesi poveri

Il papa: si cancellino i debiti dei paes…

02-09-2020

Nel 2019, almeno 15 paesi africani...

La nostra lotta continua

La nostra lotta continua

01-09-2020

L'editoriale del numero di settembr...

Stiamo con i vescovi e con il popolo di Dio

Stiamo con i vescovi e con il popolo di …

05-08-2020

Una lettera di pieno sostegno all&r...

La fede si rinnova

La fede si rinnova

05-08-2020

È iniziata il 31 luglio e si...

Lo sciopero dei docenti paralizza le università

Lo sciopero dei docenti paralizza le uni…

16-06-2020

Questa volta il Covid-19 non c'entr...

Crisi dimenticate nel mondo, nove su dieci sono in Africa

Crisi dimenticate nel mondo, nove su die…

15-06-2020

Ad assegnare anche quest’anno...

Sahel, vittime del coronavirus e vittime della povertà

Sahel, vittime del coronavirus e vittime…

14-05-2020

Dalla capitale del Niger padre Maur...

L’esilio forzato dei migranti in Africa

L’esilio forzato dei migranti in Africa

12-05-2020

Dalla Somalia al Niger, dalla Libia...

Emancipazione della donna in Sudan, un percorso ancora lungo

Emancipazione della donna in Sudan, un p…

06-05-2020

L’approvazione di un emendame...

Cina e il contagio razzista verso gli africani

Cina e il contagio razzista verso gli af…

22-04-2020

La violenza scatenata contro gli af...

Coronavirus in Zimbabwe: «Ora i nodi vengono al pettine»

Coronavirus in Zimbabwe: «Ora i nodi ven…

21-04-2020

Nel paese la prolungata crisi econo...

 

MONDO APERTO ONLUS

Codice Fiscale: 93138170233

Vicolo Pozzo, 1
37129 Verona

Tel: +39 045 8092200
Fax: +39 045 8004648

Email: info@mondoaperto.it

RAPPRESENTANTE LEGALE:
P. CODIANNI LUIGI FERNANDO