Questo sito fa uso dei cookies soltanto per facilitare la navigazione.

Blog / Ci scrivono...

Dai progetti

Dic22

Buon Natale

Categories // Africa, Dai progetti

binaghi 00

Carissimi,
Un Grosso saluto da Nairobi e Buon Natale!
Anche noi qui ci stiamo preparando a celebrare la nascita del Salvatore del mondo che anche quest’anno viene ad incontrarci nelle nostre vite e nelle nostre storie.

Dic22

Buon Natale da Fr. Damiano

Categories // Africa, Dai progetti

kenya 00

CIAO da Nairobi, e vi spero bene e pronti per questo Natale, nel nostro cuore!

Mag10

Il sogno di Peter, la speranza del popolo

Categories // Africa, Dai progetti

Il racconto dello scolastico Pellegrino Mario

Pellegrino01I bambini poveri dell'asilo di Nyal che non hanno il necessario per vivere una vita dignitosa per causa di una terribile guerra che ha causato e continua a causare migliaia di vittime in questa popolazione. Questi bambini appartengono alla tribu Nuer che è considerata ribelle e nemica del governo. E' un popolo oppresso che continua a a sperare nella pace.


 

Feb13

I lavori a Mapuordit procedono...

Categories // Africa, Dai progetti

Fratel Paolo Rizzetto, in una sua recente e-mail, ci informa che i lavori della costruzione del nuovo OPD (poliambulatorio) procedono bene.
Da gennaio in poi hanno scavato e riempito le fondamenta dei due blocchi principali.
Hanno incominciato ad innalzare i muri e l'architetto che segue i lavori è molto soddisfatto del livello raggiunto.
Le prime dieci capriate sono state saldate e si prevede di arrivare alla struttura del tetto entro fine mese.
Fratel Paolo conclude la sua e-mail salutando e ringraziando di cuore tutti i benefattori.

AGGIORNAMENTO MESE DI MARZO/APRILE 2017

In una sua e-mail del 22 Marzo 2017 ci informa che la costruzione va avanti e come dimostrano le foto sottostanti, si è finalmente arrivati al tetto.
Inoltre i muratori hanno inizato ad intonacare le stanze interne.
Come sempre Fr. Paolo ringrazia quanti hanno contribuito per l'avanzare dei lavori.

AGGIORNAMENTO MESE DI MAGGIO 2017

Fr. Rizzetto in una sua e-mail del 24 Maggio 2017 ci scrive che la struttura del tetto è stata completata con l'inizio di maggio.
Gli infissi e le porte in metallo sono arrivati a metà Maggio e sono in fase di montaggio.
Secondo i costruttori della compagnia il termine dei lavori è previsto all'incirca tra un mesetto.
Allega delle foto che dimostrano quanto detto a parole e rinnova i ringraziamenti a tutti i benefattori che hanno permesso la realizzazione di un opera di grande importanza.

AGGIORNAMENTO MESI DI GIUGNO/LUGLIO 2017

Fr Paolo Rizzetto, in una sua mail del 20 luglio 2017 ci informa dell'andamento del progetto 245/2016.
Ci scrive che ci sono stati dei ritardi nelle finiture del nuovo poliambulatorio, a causa della crisi economica nazionale. Una crisi che ha reso difficoltoso trovare il carburante per i camion che dovevano consegnare il materiale, rimanendo quindi bloccati in capitale fino a quando non è stato possibile rifornirli di carburante.

Altra causa dei ritardi sono state le strade rese impraticabili e dissestate dalle forti piogge.
Nonostante i vari problemi però, i lavori sono comunque andati avanti, come si può vedere dalle foto sotto.
Il responsabile del progetto conclude inviando un saluto e un ringraziamento sincero a tutti coloro che hanno contribuito così generosamente alla realizzazione di questo progetto.

AGGIORNAMENTO AGOSTO/SETTEMBRE

Siamo arrivati alla conclusione di questa grande opera!

Le chiavi del nuovo edificio sono state consegnate dal costruttore il giorno 22 Settembre 2017: una piccola cerimonia in presenza dello staff ospedaliero ha coronato questo passaggio.
Fr. Rizzetto Paolo si esprime così per ringraziare tutti i benefattori:
"Esprimo, in nome dei pazienti e dello staff di Mary Immaculate DOR Mapuordit Hospital, la mia più sincera gratitudine per la donazione e per aver reso possibile l’ampliamento e una maggiore funzionalità del Poliambulatorio.
Siamo grati ai tanti amici e benefattori che, attraverso l’ONLUS Mondo Aperto, hanno
reso possibile la realizzazione di quest’opera. Speriamo vivamente che il Nuovo Poliambulatorio possa essere un luogo accogliente per chi ricerca il tocco guaritore di Cristo, grazie all’opera dei suoi ministri, gli agenti di salute del Sud Sudan.
Mentre preghiamo tutti insieme per il dono della Pace in Sud Sudan, vi raccomandiamo a Dio nelle nostre Preghiere, chiedendo che il Padre Celeste, Dio della Vita, vi benedica abbondantemente nella vostra vita e nei vostri incontri. La vostra solidarietà sarà per sempre impressa nei cuori della gente di Mapuordit".

Dic13

Lettera agli amici - Natale 2017

Categories // Africa, Dai progetti

Mapuordit Dicembre 2017

245 71“Anche se la vita di una persona è una terra piena di spine
e zizzania,
c’è sempre il posto perché un seme possa crescere.
Confidate in Dio.”

Papa Francesco

 

 

 

 

 

 

 

 

Carissimi, un saluto ed un sorriso da Mapuordit, Sud Sudan.

Cercando di raccogliere le Grazie e le Benedizioni di quest’anno (e mentre cercavo di fare un po’ di pulizia dei dati nel pc…), ho trovato questa foto. Non l’ho scattata io. Per coloro che lo  riceveranno,  sarà l’immagine del frontespizio del Rapporto Annuale dell’ospedale Maria Immacolata di Mapuordit.

Dic18

Auguri da Mapuordit

Categories // Africa, Dai progetti

Carissimi, un saluto ed un sorriso da Mapuordit, Sud Sudan.


Il Natale e del Signore è ormai alle porte e vorrei non perdere l’occasione di portarvi con questo messaggio i miei personali Auguri per un Gioioso Natale ed un Felice Anno Nuovo, anche se , come sempre in ritardo, ed anche se, come sempre, con un po’ di vergogna per non aver davvero comunicato molto nel corso dell’anno.

Auguri di Buon Natale

Condivido questa frase del Profeta Sofonia, che ritroviamo nella liturgia dell’Avvento. È un messaggio deciso e chiaro che dice chi è Dio e chi siamo noi per Dio.
Dio è in mezzo a noi; l’Emmanuele. È il Dio che ci salva, anzi è un salvatore potente! Ci rinnova… e lo fa con il suo Amore! E nel farlo, gioisce, esulata di gioia e si rallegra con grida di Gioia. Dio, Padre e Madre, grida di gioia… non perché siamo bravi ma perché gli diamo l’opportunità di rinnovarci, di metterci a posto come solo lui sa fare. Dio può agire in noi solo se glielo permettiamo… ma se lo facciamo, quanto grande è la sua Gioia!
Pensare a questa parola e pensare che essa è un dono, una lettera d’Amore di Dio per noi, fa pensare. Fa pensare se veramente, guardando indietro ci ho creduto. Forse non sempre. Eppure il Natale è il tempo per riflettere che un nuova vita ci è donata in Gesù… perché ne avevamo bisogno, perché, senza, non riusciremo a mostrare il volto che Dio ha plasmato per noi; il nostro vero volto, senza maschere, il Suo Volto attraverso di noi!


[…] “Non temere, Sion,
non lasciarti cadere le braccia!
Il Signore tuo Dio in mezzo a te
è un salvatore potente
Esulterà di gioia per te,
ti rinnoverà con il suo amore,
si rallegrerà per te
con grida di gioia.”
(Sofonia 3,16-17)

Guardo indietro e, per noi, qui all’Ospedale di Mapuordit, questo ha voluto dire che, per un altro anno, persone straordinarie si sono prese cura della gente ammalata, assistendo, consigliando… talvolta semplicemente dando la medicina giusta per una certa condizione.
Ha voluto dire che, nonostante tutto, molte persone si sono fidate del nostro Ospedale. Molte davvero: le statistiche mostrano che solo a Novembre tutte le attività sono aumentante per numero di persone; più viste ambulatoriali e più ammissioni; più visite pre-natali e più parti; più vaccinazioni nel territorio.
Circa 40.000 persone hanno visitato l’ambulatorio (4000 più dell’anno scorso) e 5000 sono stati ammesse, nel periodo da Gennaio a Novembre 2018. La clinica prenatale ha offerto assistenza a più di 4000 donne in dolce attesa e 482 hanno deciso di partorire in ospedale, grazie anche al servizio ambulanza. Anche la presenza nel territorio ha riportato un aumento delle attività con 20000 vaccinazioni. A tutto questo, ha contribuito la nuova strada che è stata costruita e che congiunge la strada principale del Paese, da Juba a Wau, al nostro ospedale, che per anni è rimasto isolato e che ora diventa un punto di riferimento anche per chi abita lontano. È un segno di sviluppo ma anche un carico di responsabilità. Anche quest’anno siamo stati visitati da molti volontari che hanno condiviso con noi le gioie e le preoccupazioni della nostra gente. Senza l’aiuto di queste persone, molte delle attività non sarebbero state possibili. Grazie alla solidarietà di molti, l’ospedale riesce a raggiungere i più lontani e per questo la gente ci da fiducia.
Si tratta di esser presenti per persone che vengono, talvolta con le braccia lungo i fianchi, in cerca di una risposta ai lor problemi di salute. Non sempre la trovano e non tutti ce la fanno. Possiamo vantarci di un 91% di buoni esiti dell’ammissione in ospedale ma dobbiamo ammettere anche un 2% di persone che, ad un certo punto, lasciano l’ospedale per ritornare ai “guaritori locali”, circa il doppio che hanno una malattia cronica da cui non c’è guarigione ed altri, che sono portati a casa da Dio Padre/Madre, non come statistiche, ma come figli e figlie prediletti che hanno trovato il conforto che l’uomo non poteva loro dare.
C’è sicuramente molto di più da fare e ci sono aree in cui si può migliorare ma la tentazione sarebbe pensare di essere noi a far tutto e dimenticare che Dio è stato presente in ogni atto come mostrano le foto dei nostri staff al lavoro durante l’anno.
La grande novità di quest’anno, per il Paese, è stata che in Settembre è stato firmato un accordo di Pace tra il Governo e l’Opposizione armata di quelli che sono stati chiamati “ribelli”. Questo ha permesso al leader dell’Opposizione di rientrare in Sud Sudan, dall’esilio forzato. Anche se lo scetticismo generale era grande, una personalità di grande statura morale come il Vescovo emerito Paride Taban ha detto che questa volta la Pace aveva una chance. In effetti, per la prima volta alcuni toni arroganti usati in passato per scaricare le responsabilità (innumerevoli sono state le violazioni dei diritti umani da parte di entrambi gli schieramenti), sono stati smussati e penso che molti siano rimasti sorpresi nel sentire il Presidente dichiarare che la guerra civile scatenata nel 2013 sia stata “colpa della classe dirigente” e sentirlo chiedere perdono per tutto il male arrecato alla popolazione.
Certo, molti sospettano che l’obbiettivo principale del nuovo accordo (l’ennesimo) sia più una bilanciata spartizione del potere che un vero piano per la pace e lo sviluppo… ma è , al momento tutto ciò che abbiamo.
La Gente del Sud Sudan ha questa grande capacità di resilienza. Sono come il popolo di Israele a cui si rivolge il Profeta Sofonia: ne hanno passate così tante che li vedi con le braccia lungo i fianchi, forse stanchi perfino di aspettarsi qualcosa di buono nella loro vita. Chi li può invitare a sperare contro ogni speranza? Penso che sia questo il ruolo che, come Chiesa, siamo chiamati ad assumere e molto spesso questo non necessiterà di parole. O forse si, se le parole non verranno sbugiardate dal nostro fare o più intensamente, dal nostro essere.
Guardo indietro e vedo le occasioni in cui non sono stato in grado di indicare questa speranza, di assicurare la presenza di Dio in mezzo a noi, Salvatore Potente. Vedo quanto questo mi sia mancato. Giungo a questo Natale 2018 con le braccia lungo i fianchi… per aver perso queste occasioni, per aver mancato il bersaglio.
Vorrei raccontarvi due storie, quella di Kowoch e quella di Amer, entrambi pazienti dell’ospedale; per entrambi siamo stati sul punto di lasciarci cadere le braccia in disperazione.
Kowoch è un giovane uomo che circa un mese fa è stato portato in catene (letteralmente) dalla sua famiglia. Un problema psichiatrico, che lo portava ad azioni inconsulte e ad agire violentemente anche con i suoi familiari… che ora lo temevano. L’ammissione era una scelta obbligata ma essendo il nostro ospedale non attrezzato per la psichiatria abbiamo tentato quello che potevamo: alcuni farmaci, cibo… i familiari non erano molto a favore di rilasciarlo dalle catene… in effetti la stanza era sotto sopra durante la sua degenza. Alla fine, dopo circa due settimane, ci siamo dovuti rassegnare ala fatto che l’ospedale non lo aiutava. Abbiamo chiesto loro di portarlo a casa, ancora con medicine e raccomandazioni. Pensavo sarebbe ritornato presto, in catene e furi di testa. Mi sbagliavo. Due giorni fa è venuto a salutarci, pulito con vestiti nuovi, ricordava tutto. È venuto a ringraziarci. Credo che quello che ha fatto la differenza sia stato provare a sedersi con lui, farlo parlare, dargli fiducia… trattarlo insomma come una persona. Avevo lasciato perdere con lui. Il Signore mi ha mostrato che le cose stavano diversamente.
Amer è una bambina di circa 7 anni. La abbiamo ricoverata per una massa addominale, forse un linfoma e abbiamo iniziato il trattamento per quello che possiamo fare qui. Ma anche qui andiamo un po’ a spanne ed infatti lei ha manifestato complicazioni, severe, forse un’infezione che non avevamo riconosciuto. Pensavamo di poterla perdere. L’abbiamo coperta per tutto… e Dio ci ha regalato un altro miracolo di Natale. Si è ripresa e sembra forte, loquace ed affettuosa. Speriamo sia pronta per il secondo ciclo… che faremo con molta trepidazione ma chiedendo davvero l’aiuto d Dio, che ha scritto diritto lungo le nostre righe storte.
Per queste due persone mi erano cadute le braccia ed anche per altre occasioni mancate in cui essere nel giusto mi è parso più importante di essere amorevole. E scopro, con stupore che proprio per questi fallimenti, il Signore mi prenderà per mano -ed in braccio!- ancora una volta e mi rinnoverà con il suo Amore, perché vede quanto ne abbai ancora bisogno. Il Signore ci da sempre un’altra chance… per esultare con grida di Gioia, pensando a quello che può fare con noi! È quello che auguro a ciascuno di voi, come lo auguro anche a me: un’altra chance, ricominciare con Dio…!
Vi mando un caro saluto ed un abbraccio. Affido la Pace del Sud Sudan alla vostra preghiera, come mi affido anch’io. Buon Natale e Felice Anno 2019!

Frat. Paolo Rizzetto MCCJ

Feb17

Fotoracconto di Fr. Damiano Mascalzoni: pellegrinaggio a Juba, Tali e Mapuordit – South Sudan

Categories // Africa, Dai progetti

Fr. Damiano Mascalzoni, presenta questa galleria di foto da lui realizzate, rendendoci partecipi del suo viaggio in South Sudan.
In questa terra martoriata da continui conflitti, la SPERANZA condivisa da tanti è l'augurio di un 2017 di pace e ritorno alla vita normale anche per la povera gente che abita qui.

01 19

Dic20

Fr. Rizzetto Paolo ci scrive da Mapuordit

Categories // Africa, Dai progetti

245 15

 

Il processo di ricostruzione del nuovo Poliambulatorio (Outpatient department) del Mary Immaculate DOR Mapuordit Hospital è cominciato ufficialmente con la firma del Contratto tra l'Amministrazione e la Compagnia Kochi Bridge Ltd di proprietà del signor Mattia Acema.

Apr12

I Laici Comboniani in Brasile ringraziano

Categories // Dai progetti, America Latina e Caraibi

PROGETTO N° 239 - Assistenza ai carcerati

Vision

I soldi che arrivano da Mondo Aperto Onlus servono per sostenere le seguenti attività:

Vita Comunitaria LMC (Laici Missionari Comboniani).

In Ipe Amarelo, città di Nova Contagem, periferia di Belo Horizonte, Minas Gerais, vive una piccola Comunità di laici missionari Comboniani che aiutano nelle pastorali sociali della parrocchia dei padri Comboniani.
Nova Contagem è costituito da 13 comunità, dislocate in 13 bairros. Questi sono quartieri poveri, periferici, con un alto indice di violenza legata al narcotraffico. La maggior parte della popolazione è afrodiscendente, con una bassa istruzione e problemi legati al consumo di alcool e droga.
I laici in missione lasciano la loro casa, il loro lavoro, il loro paese, per mettersi al servizio del Vangelo e delle Comunità in cui vanno a vivere.
Così ha fatto Emma, laica comboniana, di Bologna, che da oltre due anni presta servizio nelle attività sociali della parrocchia e della diocesi di Belo Horizonte, in particolare nella pastorale carceraria.

Lug18

P. Aldegheri Giorgio ringrazia dalla Repubblica Centrafricana

Categories // Africa, Dai progetti

Bangui 9 luglio 2016

P. Luigi,
con questa immagine desidero salutare e ringraziare per l’attenzione che avete verso la « MISSIONE » in Centrarica. Abbiamo ricevuto l’offerta e ringraziamo.
La « MISSIONE » è opera di Dio e noi siamo chiamati a collaborare.
Ognuno può ispirarsi guardando questi volti……………

boda centrafricaLa situazione resta preoccupante, ma speriamo sempre in un domani migliore. Per questo domani « migliore »
-    Annunciamo la Buona Novella : Gesù Cristo
-    Testimoniamo l’amore possibile vivendo in comunità internazionali
-    Lavoriamo, in collaborazione con altri, nel campo della scuola, della salute e malnutrizione
-    Aiutiamo le coscienze a formarsi per una convivenza serena e pacificata, per una riconciliazione costruttiva di un futuro più stabile e costruttivo
In questo anno abbiamo la gioia di celebrare 50 anni di presenza dei comboniani in Centrafrica:
•    19 marzo  2016: ordinazione sacerdotale di P. Mathurin, centrafricano
•    15 agosto 2016 : ordinazione diaconale di due confratelli centrafricani
•    19 marzo  2017 : ordinazione sacerdotale dei due confratelli diaconi
« Benediciamo il Signore, ora e sempre »

Caro Luigi, rinnovo il mio grazie e saluto cordialmente.                
p. giorgio

 

 

 

Ott24

P. Elio Farronato ci scrive da Bibwa (Rep. Dem. Congo)

Categories // Africa, Dai progetti

Bibwa, Kinshasa, 22/9/2019

IMGP0558

Sorelle e fratelli amati, il tempo passa veloce e ciò mi interpella sempre più. Quest’anno ho mancato all'appuntamento abituale di comunicazione con la missione a causa di un’infezione nel sangue che mi ha colpito alla fine di maggio.

Set01

P. Farronato Elio ci scrive da Bibwa (Rep. Dem. Congo)

Categories // Africa, Dai progetti

 Kinshasa Bibwa, agosto 2016
Sorelle e fratelli carissimi,   
vi ricordo con tanta gioia e affetto.
Speravo di raggiungervi con i miei saluti e i miei auguri per la festa dell'Assunta e le vacanze di ferragosto.
Sarei contento di sapere che avete potuto andare in un posto tranquillo a potervi godere di un meritato riposo dopo un’annata di lavoro e tensioni. Temo purtroppo che la mia lettera vi giungerà quando sarete nuovamente presi dal lavoro e dagli impegni quotidiani. Anche nel lavoro tuttavia, se si pensa a tante persone che potranno trarre beneficio dalle nostre fatiche, si trova un motivo di gioia.



Set01

P. Farronato Lorenzo ci scrive...

Categories // Africa, Dai progetti

Romano d'Ezzelino 29.8.2016

Carissimi amici, vi raggiungo con una lettera un po’ diversa.
Sono in Italia per un periodo di vacanza. Avrei desiderato incontrare tanti di voi, ma il tempo fugge veloce. Anche qui sono preso dal pensiero dei nostri fratelli neri. E mi viene spontaneo comunicare anche a voi, cari collaboratori che ci sostenete nella missione, ciò che maggiormente ci sta a cuore, cioè il Centro Pastorale della diocesi che si cura in particolare di quelle che mi piace chiamare SCUOLE DI DIO.

Ott14

P. Farronato Vittorio ci scrive dal Congo

Categories // Africa, Dai progetti

p farronatovittorio

Il Papa in Centrafrica, a Bangui, ha detto ai giovani: “Non partite; amate il vostro Paese”. Noi, missionari comboniani a Bambilo, in Congo, siamo impegnati coi giovani, affinché restino al villaggio e trovino una vita che è bello vivere, con semplicità e coraggio. Ci impegniamo seguendo alcune piste: rendere possibili la scuola, la salute, il lavoro, le strade.

 

Ott24

P. Lorenzo Farronato ci scrive da Kisangani (Rep. Dem. Congo)

Categories // Africa, Dai progetti

Kisangani, 13 ottobre 2019

IMGP1326

Carissimi tutti amici e collaboratori missionari,
Quest’anno sono a Kisangani. I superiori erano preoccupati perché ritenevano troppo gravoso e pericoloso per me, ottantenne, il viaggio per Bondo, che è  difficile e pericoloso e raggiungibile solo in moto.

[12  >>  
Sud Sudan, un futuro ancora incerto

Sud Sudan, un futuro ancora incerto

13-11-2019

Slittata di altri 100 giorni la dat...

Italia, Libia, la cooperazione continua

Italia, Libia, la cooperazione continua

11-11-2019

Pochi giorni prima del rinnovo del ...

Le multinazionali "violentano le nostre terre"

Le multinazionali "violentano le no…

25-10-2019

"Se non si comprende la nostra rela...

Dal tappeto verde a quello rosso

Dal tappeto verde a quello rosso

24-10-2019

Il passaggio dal campo di calcio al...

Chi teme il Sinodo e chi lo vive come una grazia

Chi teme il Sinodo e chi lo vive come un…

09-10-2019

Con alti stendardi colorati, giubbe...

Le schiave delle baby factory

Le schiave delle baby factory

09-10-2019

Una recente operazione di polizia &...

Tolte 7 scuole alle organizzazioni religiose

Tolte 7 scuole alle organizzazioni relig…

05-09-2019

Una decisione che arriva dopo che i...

Rapimento Romano. Il silenzio delle autorità italiane

Rapimento Romano. Il silenzio delle auto…

04-09-2019

La cooperante italiana, rapita in K...

Un anno di ebola

Un anno di ebola

05-08-2019

Nonostante la mobilitazione interna...

i farmaci killer

i farmaci killer

05-08-2019

Secondo la Scuola di igiene e medic...

Sudan, spari contro gli studenti: 5 morti

Sudan, spari contro gli studenti: 5 mort…

31-07-2019

A colpire con armi da fuoco una man...

Sudan, janjaweed al potere

Sudan, janjaweed al potere

25-07-2019

Le Forze di supporto rapido sono og...

 

MONDO APERTO ONLUS

Codice Fiscale: 93138170233

Vicolo Pozzo, 1
37129 Verona

Tel: +39 045 8092200
Fax: +39 045 8004648

Email: info@mondoaperto.it

RAPPRESENTANTE LEGALE:
P. CODIANNI LUIGI FERNANDO